Lavorare in un outdoor space?!

Outdoor space, ovvero spazi all’aperto dedicati al lavoro, possono sembrare tutto tranne che una soluzione stabile come ufficio. Tuttavia, come prevedibile, la pandemia Covid-19 ha accelerato la ricerca sull’architettura degli spazi di lavoro condivisi, già peraltro in fermento, e certi risultati sono imprevedibili.

Prima dell’emergenza si discuteva molto sulla fine dell’openspace, abbiamo ospitato sul nostro magazine più di un contributo sul tema, e sulla riduzione dei patogeni presenti nell’area, con lo sviluppo di vernici, soluzioni di arredi, sistemi di areazione e l’uso di smart pot e di particolari tipi di piante, ti consigliamo di guardare anche la nostra sezione DEVs.

Sempre più sofisticato, l’ufficio condiviso e flessibile come lo conosciamo è destinato ad uscire da questa stagione con tantissime nuove idee e possibili soluzioni nel frattempo testate.

Non sempre praticabili e per tutte le tasche, alcune segneranno la differenza e le vedremo nei prossimi mesi fino a diventare la norma, altre saranno riadattate al contesto locale e alle possibilità degli operatori e si mescoleranno alla dotazione classica degli spazi di lavoro condivisi.

Lo sarà anche per il cosiddetto outdoor space?

Second Home Hollywood primo esempio convincente di outdoor space

L’azienda britannica Second Home, operatore internazionale con sei sedi a Londra, Lisbona e Los Angeles, ha realizzato e sta sperimentando la formula dell’outdoor space fornendoci un clamoroso esempio urbano di cui non potevamo non parlare – nel contesto vacanziero o del retreats è un discorso già avviato, vedi il nostro articolo sul bleisure.

Aperta alla fine del 2019, la sede di Second Home Hollywood a Los Angeles ha adottato un approccio unico per la costruzione di 60 uffici separati per i suoi membri. “Quello che avremmo potuto fare è entrare in un grattacielo, aziendale, edificio senz’anima, comprare un pavimento e mettere alcuni box”, dice Rohan Silva, cofondatore e CEO di Second Home. “È un modo economico per creare spazio.”

Ingresso ufficio Second Home Hollowood

L’azienda con l’aiuto di SelgasCano, famoso studio associato di architettura guidato da José Selgas e Lucía Cano, ha invece ristrutturato un edificio storico dei primi anni 60 del novecento di Paul Williams, primo architetto nero riconosciuto del paese, e insieme ha puntato su una soluzione che è la svolta salutare.

Nel cortile sul retro, dove ha affittato oltre 4500 mq di parcheggio, si è liberata dell’asfalto e ha deposto 700 tonnellate di terreno e vegetazione, tra cui 6.500 tra piante e alberi di 112 varietà. In mezzo a tutto questo verde, l’azienda ha costruito 60 “uffici da giardino”, che sono spazi di lavoro a forma di fagiolo progettati per pochi lavoratori ciascuno. Questo design consente a individui o gruppi di lavoro di avere ciascuno il proprio spazio dedicato, messo in “quarantena” da altre persone.

Postazioni coworking Second Home Hollowood 3 800

Le pareti acriliche lasciano entrare molta luce. Le unità dispongono di ventilazione su ogni lato (oltre all’aria condizionata), aspirando aria fresca anziché ricircolata in ogni ufficio. Non è proprio come lavorare all’aperto, ma la soluzione offre questo tipo di sensazione insieme al comfort di un riparo e la qualità dell’aria della natura.

L’ex parcheggio è diventato la foresta urbana più fitta della città e per accedere al proprio ufficio non è necessario prendere angusto in ascensore, ma attraversare la foresta…

Ingresso uffici Second Home Hollowood

Lo spazio è stato progettato per la salute, fino ai ripiani curvi in Corian che hanno permesso di tagliare le scrivanie senza linee rette (perché non ci sono linee rette in natura). Accade così che Corian sia anche popolare in contesti ospedalieri per la sua superficie non porosa che è facile da sterilizzare. Ma solo perché è stato progettato per il benessere generale non significa che sia stato progettato per una pandemia.

Interno ufficio Second Home Hollowood 9 800

Il cofondatore Rohan Silva ha dichiarato: “In realtà ciò a cui pensano i nostri architetti è come abbracciare campi come la psicologia evolutiva e la biofilia. Non ci siamo evoluti nel corso di milioni di anni in ambienti che sembrano edifici grigi omogenei. Vogliamo piante, stagionalità e luce naturale […]. Si scopre che l’enfasi sulla salute è molto utile in questi momenti.”

Per quanto riguarda il modo in cui Second Home sta andando, Silva ammette che la presenza dei coworker è diminuita nella sede di Los Angeles durante la pandemia quando le persone sono state licenziate, ma i numeri sono in crescita nell’ultimo mese. Una intuizione che ha trovato parlando con le grandi aziende è che in futuro vogliono poter affittare stanze di dimensioni di cui Silva non avrebbe mai pensato di aver bisogno, con spazi per riunire i team di lavoro da casa per le sessioni di onboarding e brainstorming dei dipendenti.

Terrazza ufficio Second Home Hollowood 2 800

“Abbiamo una sala riunioni per 200 persone e sale per 20 persone, niente in mezzo”, afferma Silva dell’area dell’edificio principale di Second Home. “Penso che andando avanti. . . avremo bisogno di vedere molta più flessibilità: spazio [dove] puoi rimuovere una partizione e spostare alcune piante in modo che diventi un posto per 60 persone “.

Di sicuro qui si anticipano temi e soluzioni che vedremo presto sviluppate anche nella vecchia Europa, come salute, sostenibilità, recupero, benessere, presenza/distanza, flessibilità.

E al tramonto, le luci degli indaffarati “fagiuoli” creano uno scenario davvero unica di fermento e creatività…

Uffici illuminati Second Home Hollowood

L’ufficio senza l’ufficio sei curioso dei prezzi?

Se passate per Los Angeles, il Day Mambership è di sole 25$ al giorno (stampe e caffe espresso al bar illimitati). Se programmate di stare almeno un mese, la Roaming Membership, una sorta di accesso agli hot desk e alle aree comuni di tutto lo spazio, è di 400$ al mese. Se invece cercate una soluzione residente, scrivania riservata in uno spazio di lavoro tranquillo, circondato da piante e alberi, perfetto per singoli e piccoli team il costo è circa 675$ al mese o 3.200$ per lo Studio membership, nel caso vogliate spostare l’intera vostra squadra.

Recommended Posts