Il coworking fa bene alla salute

Avete presente la giornata di un libero professionista che lavora in maniera autonoma, in un contesto isolato, magari in casa propria?

Proviamo a immaginare…

Sveglia alle 7:00, colazione in famiglia, pochi passi ed eccolo lì nella stanza accanto adibita ad ufficio. Pausa caffè, pausa pranzo con i propri cari e passeggiata fuori, sempre se il tempo lo permette. Di nuovo quattro passi e ritorna in ufficio aspettando la fine della giornata lavorativa. Manca poco all’ora di cena, solite faccende da sbrigare e poi eccolo a letto, pensando alla giornata seguente, con la solita routine.

Lavorare così, inizialmente può sembrare stimolante, ma con il passare del tempo possono subentrare problemi quali la noia, lo stress, la scarsa concentrazione, che per quanto banali non sono da sottovalutare. Non c’è più distinzione tra l’ambiente di lavoro e quello domestico, non si ha la possibilità di confrontarsi con altri professionisti e le distrazioni sono comunque tante (immaginate per esempio un padre di famiglia con dei bambini in giro per casa). Vengono a mancare una serie di stimoli che inevitabilmente possono portare a conseguenze anche dal punto di vista lavorativo.

Con il passare del tempo ciò che poteva essere un grande vantaggio (lavorare da casa), rischia di diventare il principale motivo di insoddisfazione personale.
Per poter svolgere al meglio il proprio lavoro bisogna essere in uno stato di benessere sia fisico che mentale.

Ed eccolo lì il nostro libero professionista che inizia a pensare, a voler cambiare, a cercare nuovi stimoli, nuovi ambienti e soprattutto altri lavoratori con cui relazionarsi. Ha bisogno di un senso di comunità e di benessere che solo in un coworking si può trovare. Immaginiamo adesso il nostro freelance che ha deciso di dare una svolta alla sua vita.

Solita sveglia alle 7:00, colazione in famiglia e poi subito in macchina verso quel nuovo modello lavorativo, quel nuovo ufficio, quella nuova postazione autonoma ma che allo stesso tempo è circondata da altri professionisti con cui scambiare idee, condividere il proprio lavoro. Nuovo ambiente, bel design, spazi ben suddivisi, funzionali, silenziosi, tanti freelance tutti motivati, concentrati e appassionati del proprio lavoro…Una grande armonia!

Difficile in un ambiente così non essere concentrati, non aver voglia di lavorare, di dare il meglio proprio come tutti gli altri “colleghi’’ accanto.
Pausa pranzo con Marco e Serena, ingegnere informatico e avvocatessa, grazie ai quali tra una chiacchiera e un caffè hanno dato al nostro libero professionista una buona idea, che gli ha permesso di portare a termine un bel progetto lavorativo. Il bello di un coworking è proprio questo, confrontarsi, scambiarsi idee, consigli e perché no? far nascere anche delle collaborazioni.

Sono tante infatti le start up nate proprio in questi ambienti, tra persone che hanno condiviso e messo insieme le proprie professioni, idee, realizzando i migliori progetti lavorativi. Adesso il nostro libero professionista è contento, ispirato. Va a letto pensando ad una nuova giornata lavorativa in quel coworking, in cui regna la stima, la condivisione, la concentrazione. In quel nuovo ufficio in cui, tra una pausa caffè e una passeggiata in giardino o in terrazzo, vi è quello scambio di idee che non può che portare miglioramenti dal punto di vista lavorativo.

Ed è proprio quel benessere e quel senso di community che stava cercando!

Recommended Posts